Leu romeno

Leu Romeno: Nuovo record negativo frenato solo dalle elezioni

Share if you like!

Il Leu romeno, la moneta nazionale del Paese (simbolo RON), ha toccato ieri un nuovo record negativo. Per comperare un Euro, sono ora necessari 4.7750 Lei dopo che, il giorno precedente, il cambio aveva superato la barriera psicologica di 4.77 (4.7729, per la precisione).

Sono variazioni piccole ma significative, viste le pressioni cui è sottoposta la Banca Centrale Romena (BNR) a causa delle Elezioni Presidenziali. Entrambi i candidati, infatti, l’uno sostenuto dal Governo e l’altra sostenuta dal Parlamento, non desiderano scossoni valutari del Leu romeno, fino allo svolgimento del secondo turno, il prossimo 24 Novembre.

Corso valutario Leu dal 16 al 19 Novembre 2019
Corso valutario Leu dal 16 al 19 Novembre 2019

In realtà, a detta di molti esperti del settore, la Romania si trova da tempo in un’impasse finanziaria. Per almeno due anni, i partiti al governo capitanati dal PSD (corrispondenti grossomodo al nostro centro-sinistra) hanno sviluppato una politica economica di tipo populista volta a guadagnare consensi aumentando le pensioni e gli stipendi statali. L’inevitabile innalzamento dei costi per le imprese ed il timore della crescita dei salari dei dipendenti privati, sta poi frenando gli investimenti delle aziende, soprattutto straniere.

Dall’altra parte, la coalizione di partiti che ha appena costituito il nuovo governo (sempre per fare un paragone con l’Italia, una sorta di centro-destra) teme di dover pagare il conto degli aumenti a fine anno. Il risultato è che i ministri appena insediati, hanno annunciato una politica di tagli alla spesa pubblica e quindi di personale nella Pubblica Amministrazione che non fa prospettare un Natale sereno per molte famiglie.

Al contrario del Leu romeno, le monete straniere come l’Euro, sono, per molte famiglie romene, un bene-rifugio visto che sono ancora tantissime quelle che dipendono da chi ha lasciato il Paese per andare a lavorare all’estero. Ovviamente, in questi frangenti, si tende ad evitare, per quanto possibile, di cambiare valute dollari ed euro con il Leu romeno.

La situazione dovrebbe, nelle previsioni, cambiare drasticamente verso Natale, quando molti romeni torneranno a casa per trascorrere le festività con le famiglie d’origine.

Mauro Ghiglia

Test description

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *